Studium Faesolanum

Piano editoriale

Il centro di ricerca STVDIUM FÆSVLANUM ha elaborato il seguente piano editoriale, il quale è stato approvato dal Comitato Scientifico e riconosciuto dal Comitato d'onore.

1

La Chiesa fiesolana – Studi storici di Giuseppe Raspini

(collana diretta da H. E. Weidinger)

Pubblicazione dell’opera omnia del canonico del capitolo della cattedrale di S. Romolo a Fiesole, mons. Giuseppe Raspini (1908-2010), per decenni archivista vescovile e capitolare e appassionato indagatore delle vicende storiche fiesolane. I saggi e i diversi studi del Raspini, sinora pubblicati in differenti sedi editoriali non sempre facilmente reperibili, saranno disponibili in un’unica collana, che si presenterà quale imprescindibile punto di partenza per lo studio futuro della storia della diocesi di Fiesole.  
I primi tre volumi (nn. 39-41) raccoglieranno le indagini documentarie e le riflessioni storico-artistiche del Raspini intorno alla diocesi e al suo territorio, mentre gli ultimi tre volumi (nn. 42-45) riproporranno i suoi studi su figure eminenti – santi, vescovi, sacerdoti e laici – della Faesulana Dioecesis.  
Concluderanno la collana tre sillogi raspiniane di distinta natura: la collezione dei documenti storici della Chiesa fiesolana fra bolle papali e vescovili, diplomi ducali, regi ed imperiali dagli inizi del Cristianesimo fino ad oggi (n. 45); una Memoria del secondo conflitto mondiale in un suo specifico ‘risvolto fiesolano’ (n. 46); e una raccolta di Scritti vari raspiniani (n. 47). Come utile strumento di corredo, si porrà mano, in ultimo (n. 48), alla compilazione di un Indice degli scritti di mons. Giuseppe Raspini, quanto più completo possibile.

2

La Chiesa fiesolana – Nuova Serie

(collana diretta da A. Benvenuti, R. Bösel, S. Pagano e H. E. Weidinger)

In linea con la tradizione di studi inaugurata da mons. Giuseppe Raspini, nella collana La Chiesa fiesolana - Nuova Serie saranno ospitate analisi storiografiche, così come indagini artistiche e architettoniche del vasto patrimonio memoriale e monumentale della diocesi di Fiesole.        
La collana sarà pertanto articolata secondo tre indirizzi ideali: censimento della consistenza di alcuni rilevanti depositi documentari (come l’Archivio del Seminario vescovile), studio storico-artistico anzitutto dei più importanti edifici di culto e di rappresentanza della diocesi, ricostruzione storiografica di alcune finora poco indagate compagini religiose, laicali (confraternite) e regolari (romite diocesane, Ordine dei Gerolamini), che hanno visto la loro origine e i loro primi sviluppi in diocesi.
Ad un inventario dell’Archivio del Seminario di Fiesole (n. 1), nel tempo si affiancheranno, pertanto, studi sulle chiese di Fiesole, partendo da una monografia sulla basilica di Sant’Alessandro (n. 2), un’analisi artistico - architettonica del locale palazzo episcopale (n. 3) e del ben noto complesso di San Michele a Fiesole (n. 4), e una storia dei Gerolamini di Fiesole (n. 5), congregazione tardo medievale che dalla diocesi si è irradiata nel centro e nel nord Italia.

3

Fæesvlanæ Ecclesiæ Documentorum Enchiridion  (F.E.D.E.)

(collana diretta da A. Benvenuti, S. Pagano e H. E. Weidinger)

La collana si vorrebbe proporre quale silloge documentaria fiesolana la più completa possibile. Articolata in cinque sezioni – Regesti, Sinodi, Visite pastorali, Codici liturgici, Documenti selezionati –, la realizzazione di questa raccolta vuol coniugare il più disciplinato metodo storico-archivistico con la gestione di metadati attraverso un banco dati online.        
Se per la prima volta, infatti, saranno compulsati i diversi fondi dell’Archivio Segreto Vaticano e dell’Archivio Arcivescovile di Lucca allo scopo di compilare dei regesti della documentazione inerente alla diocesi e al territorio di Fiesole per il periodo medievale, in parallelo si provvederà alla digitalizzazione e al successivo riversamento online di rilevanti serie documentarie quali le Visite pastorali e i Sinodi diocesani degli archivi ecclesiastici fiesolani. L’imponente opera di digitalizzazione interesserà, in una seconda fase, anche il patrimonio liturgico della cattedrale e del Capitolo fiesolani.           
Attraverso la pista documentaria tracciata grazie ai regesti vaticano e lucchese e grazie al vasto patrimonio documentario e bibliografico acquisito in progress e reso fruibile al pubblico degli studiosi, si potrà così disporre di un organico ed esemplare Corpus fiesolano, un antico e al contempo nuovo Enchiridion di documenti d’archivio e codici di biblioteca che renderà più agevole e soprattutto scientificamente fondata la futura ricerca storiografica sulla Faesulana Dioecesis.
A questo proposito vorremmo ringraziare la Diocesi di Fiesole ed il Capitolo della Cattedrale di S. Romolo.

4

Fiesole – Città, Comune, Contado

(collana diretta da M. Borgioli e H. E. Weidinger)

I volumi della collana illustrano diversi aspetti della plurisecolare vicenda storica di Fiesole, del suo comune e del suo contado, secondo un’ottica diacronica e ispirandosi ad una metodologia interdisciplinare. Una raccolta di vedute storiche di Fiesole (n. 1) sarà seguita da un primo volume di bibliografia fiesolana (n. 2). Altre pubblicazioni, di taglio anche divulgativo ma sempre informate ad un ineccepibile rigore scientifico, potranno essere ospitate in questa collana, rivolta, per sua natura, ad un vasto pubblico che abbraccia tanto gli studiosi quanto i curiosi e gli appassionati di storia e di cose locali.

L’istallazione di una biblioteca virtuale sul sito internet di Stvdivm Fæsvlanvm aspira alla creazione di un ‘luogo’ atto a raccogliere e contenere un gran numero di scritti dedicati allo studio della città, del comune e del contado di Fiesole (storia, arte, ecc.). La biblioteca ha come scopo primario quello di diffondere testi difficilmente reperibili o ‘dimenticati’. Si acquisiranno le opere riguardanti tale area di ricerca non soggette a diritti d’autore i quali, com’è noto, spet­tano all’autore (rispettivamente ai suoi eredi) fino a 70 anni dopo la di lui morte ed all’editore fino a 30 anni dopo la pubblicazione del libro. Questo tipo di biblioteca virtuale è reso possibile grazie alla disponibilità della Diocesi e del Comune fiesolani nel permettere l’utilizzo in rete di parte del patrimonio librario proveniente, oltre che da altre sedi, anche dalla Biblioteca Comunale di Fiesole e dalla Biblioteca Bandiniana del Seminario Vescovile di Fiesole.  
In quanto libere di diritti saranno utilizzate anche le collezioni on-line di libri (p.e. www.archive.org, http://books.google.com, www.openlibrary.org ecc.).

5

Cintoia • Greve • Chianti

(collana diretta da H. E. Weidinger)

La collana intende mettere in rilievo la specificità geostorica del comprensorio del Chianti, con particolare attenzione alle evidenze monumentali, artistiche e artigianali, e al patrimonio etnoantropologico del comune di Greve e dell’area di Cintoia. In preferenza saranno dunque ospitati studi monografici su singoli e significativi edifici, partendo da una delle pievi più antiche quale quella di S. Pietro a Cintoia (n. 3), e su tradizioni (n. 1) ed eccellenze artigianali locali (n. 2). Aggetterà a tutto tondo, così, la ricchezza della storia del ‘Fiesolano’ completa nelle sue articolazioni circondariali.

6

Concorso e Premio triennale Raspini

(conferito dal comitato scientifico di Stvdivm Fæsvlanvm)

Lo Stvdivm Fæsvlanvm desidera promuovere una sempre maggiore conoscenza della storia di Fiesole nella sua più ampia accezione. A tale scopo, e per onorare degnamente la memoria dello storiografo di Fiesole per eccellenza, mons. Giuseppe Raspini, lo Stvdivm Fæsvlanvm indirà un concorso a cadenza triennale, aperto a quanti abbiano conseguito o stiano conseguendo il titolo di laurea statale o di licenza ecclesiastica. Con un’elargizione liberale di mille euro verrà premiata un’opera (tesi di laurea, tesi di licenza in Storia Ecclesiastica o materia affine) che tratti di un soggetto rilevante della storia fiesolana.

7

Convegni di Studi Fiesolani

(promossi dal comitato scientifico di Stvdivm Fæsvlanvm)

Lo Stvdivm Fæsvlanvm promuove convegni di studio volti ad illustrare momenti significativi, figure particolarmente ragguardevoli e fenomeni storici caratterizzanti la diocesi e la realtà civile fiesolane nel loro più ampio contesto.         
In cantiere attendono una loro realizzazione almeno quattro convegni o giornate di studio.

8

Translationes

(collana diretta da R. Bösel e H. E. Weidinger)

La ricerca in questo campo si orienta secondo le teorie e le convenzioni della contemporanea riflessione interdisciplinare proprie degli studi culturali. Nuove prospettive vengono dischiuse dall’intersecarsi di diversi ambiti di ricerca – tra i quali la storia, la letteratura, le traduzioni e la scienza politica, così come la storia del teatro, della musica e delle arti – in sistemi culturali complessi quali, ad esempio, il Sacro Romano Impero e l’Europa centrale, nonché l’Impero Ottomano e l’Europa mediterranea. Oggetti principali della ricerca sono (1) il teatro negli stati asburgici e in Italia; (2) luoghi della memoria / luoghi del ricordo; (3) culture del sapere; e (4) Translatio/n, a partire dalla Translatio Imperii.

 

ultimo update: 23.04.2013
Contatti / ImpressumHome© Stvdivum Faesvlanvm
ffffff